di Bologna e pensieri futuri.

Nel corso dei mesi di Ottobre e Novembre ho dovuto sostenere diversi esami per i concorsi di Dottorato a Pavia e Bologna. Alla fine ho vinto un posto di Dottorato con borsa all’Università di Bologna e non sono mai stata così soddisfatta. E’ stata un’impresa che ho vinto da sola, facendo leva sulle mie forze, solo e soltanto sulle mie capacità. Fortunatamente ho avuto vicino persone che hanno sempre creduto in me, che mi hanno sempre spronato ad andare avanti, che mi hanno ascoltato nelle sere in cui soffrivo la solitudine di una camera di albergo pensando all’esame del giorno dopo, che mi hanno incitato a credere in me stessa e a non pensare agli altri. E se non ci fossero state queste persone, sarebbe stato tutto più difficile. Non mi hanno mai detto “questa volta non credo che ce la farai, perché è troppo difficile”, mi hanno sempre detto “è difficile, forse più delle altre volte, ma tu sei Silvia e spacchi i culi a tutti”.
Alla fine ce l’ho fatta, ho vinto la battaglia e ho dimostrato che, sì, era difficile, ma ho vinto e ho dato frutto a tutto quello che ho imparato in questi 5 anni di Fisica. Alla faccia di chi non ci credeva per niente o non abbastanza.
Detto questo, fortunatamente nella mia vita non c’è solo la Fisica. Quindi, nei momenti meno deliranti sono riuscita a portare l’analogica davanti gli occhi e ho scattato qualche foto. Volevo avere, stampata su pellicola, la mia prima impressione di Bologna, vissuta da sola, anzi..sola con me stessa. E’ una città immensa, non dimensionalmente, ma in senso di bellezza, suggestività, stimoli, arte e storia. E’ una città piena di studenti, di vita e di luci, di portici e piadinerie. E al solo pensiero che sarà la MIA città per tre anni, che conoscerò tante persone nuove, che starò vicina a quelle che già ho conosciuto, che farò qualcosa che mi piace davvero…io non sto più nella pelle. Voglio che sia un inizio in tutti i sensi e non permetterò a nessuno di rovinare questo trampolino di lancio, finalmente libera da ciò che più mi tira verso il basso.
Per natura non sono ottimista, ma ho un sorriso stampato sulla faccia pensando a Bologna. Mi va bene così, altroché.

(i simpatici aloni bianchi sulle ultime foto sono il risultato della mia fantastica idea di aprire il vano della macchina fotografica prima di avvolgere il rullino, applausi.)

ImmagineImmagineImmagineImmagineImmagineImmagineImmagineImmagineImmagineImmagineImmagineImmagineImmagineImmagineImmagineImmagineImmagineImmagineImmagineImmagineImmagineImmagineImmagineImmagineImmagineImmagineImmagineImmagineImmagineImmagineImmagineImmagineImmagine

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...